Top 5

La tua azienda vuole un mondo sostenibile?

Top 5 delle misure necessarie per essere un’azienda con coscienza ambientale

Secondo il GreenItaly report 2018 un quarto delle imprese italiane negli ultimi 5 anni ha puntato sulla green economy per superare la crisi e affrontare il futuro. La sostenibilità è fra i fattori trainanti dello sviluppo economico italiano, non è un caso che la dimensione del mercato globale di investimenti sostenibili rappresenti oggi almeno il 31% del totale gestito (Gsia Global Sustainable Alliance). Ecco quali sono allora i 5 must perché la tua azienda possa accedervi e diventi green:

Governance trasparenti. Se rincorri un modello virtuoso, la tua azienda dovrà favorire stakeholders che vogliano investire consapevolmente nel green. Sempre più imprese introducono perciò la figura del “manager della sostenibilità”, fra i lavori più ambiti in questo momento. Le aree di competenza riguardano ambiente, clienti, lavoratori, comunità, fornitori e istituzioni, il manager della responsabilità non si limiterà semplicemente a sanzionare gli sprechi, ma gestirà tutte le situazioni complesse e interconnesse dell’organizzazione, dal rapporto con i fornitori alle pari opportunità e il modo con cui l’azienda comunica apertamente la sua politica ambientale.

Responsabilità collettiva. Per generare un cambiamento serve una consapevolezza ambientale. È quindi fondamentale sensibilizzare l’azienda sulla sostenibilità con delle best practices che generino passaparola fra i dipendenti: sono esempi di successo le giornate green e il coinvolgimento in campagne aziendali; ridurre gli sprechi energetici sul posto di lavoro e ottimizzare i consumi, avvantaggiando così sia l’azienda sia i dipendenti nel quotidiano. Molte aziende credono poi che lo smart working e il carpooling aziendali contribuiscano alla riduzione delle emissioni: i dipendenti prenderanno meno i veicoli per lavorare riducendo anche la mole del traffico e l’inquinamento.

Etica condivisa. Spesso la sostenibilità è intesa come un metodo per redistribuire una parte del valore generato da azioni positive attraverso forme di beneficienza. Un’azienda realmente sostenibile è in grado di tracciare una sua crescita e diventare appetibile sul mercato grazie a ranking e ritorni stabili nel tempo: creando valore condiviso con tutti gli investitori, misurando l’impatto che i propri business hanno sull’ambiente o le conseguenze delle proprie azioni sul mercato, come un approccio commerciale non trasparente o non conveniente per i clienti.

Economia, conosci il tuo mercato di riferimento e studia gli effetti del processo di riconversione ecologica. Affinché la tua politica ambientale sia realmente green dovresti conoscere approfonditamente anche il mercato economico-finanziario a cui ti stai rivolgendo e capire se le scelte intraprese dalla tua azienda vadano realmente a impattare sull’ambiente, monetizzando vantaggi e svantaggi del tuo approccio ecosostenibile.

Novità. Un’azienda che si affaccia al futuro, che ne anticipa le tendenze e le problematiche dimostra una sensibilità maggiore rispetto alle altre, con un ritorno d’innovazione: le aziende dedite alle green economy (79%) innovano più delle altre, quasi il doppio (43%). Le B Corp certificate rappresentano nuovi modelli di business sostenibile, una tipologia di impresa che va oltre il profitto e si impegna verso dipendenti, comunità e ambiente. L’Italia in questo campo è all’avanguardia: è il primo Paese dopo gli Stati Uniti a introdurre la forma legale di impresa di benefit corporation.

Condividi su:
TAG:
<
>